• Tel: +39 0883 631049

Nutriamo la fertilità

L’alimentazione svolge un ruolo importantissimo nelle fasi del ciclo mestruale, può limitarne disturbi o favorire processi fisiologici.

Scopriamolo insieme alla Nutrizionista Dott.ssa Anna Borraccino, esperta in fertilità.

L’alimentazione nella fase ovulatoria

L’ovulazione è un momento importante del ciclo mestruale per la fertilità ma soprattutto per la fecondazione. E’ un evento che ogni donna, indipendentemente dalla sua voglia di maternità, deve valutare per “ascoltare” il proprio corpo mese dopo mese.

L’avvenuta ovulazione indica che la precedente fase, che va dal primo giorno di ciclo al quattordicesimo o fase follicolare o estrogenica,  è andata a buon fine e ogni suo protagonista, FSH, estrogeni e LH, ha agito bene, nei giusti livelli e nei giusti tempi.

L’alimentazione può affievolire le spiacevoli sensazioni e incrementare l’azione degli ormoni?

L’obiettivo principale dell’alimentazione deve essere:

  • Aumentare l’apporto di cibi drenanti inserendo particolari tipi di frutta e verdura cruda, come asparagi, sedano, porri e finocchi, e incrementando il giusto apporto di acqua;
  • Aumentare il consumo di cibi ricchi di magnesio ,come le mandorle e semi, che facilitano i movimenti uterini, durante e dopo lo scoppio del follicolo da fonti buone e non dai dolci, ecco spiegata anche la strana voglia di dolciume che caratterizza questa fase oltre quella premestruale, ottenere la serotonina (prodotta a partire dal triptofano presente nel cioccolato) per variare in senso positivo il nostro umore e apportare magnesio per rilassare la muscolatura uterina
  • Aumentare l’apporto di colesterolo proveniente dall’alimentazione, con un maggior consumo di uova  e di molluschi e crostacei, in quanto la cellula uovo dovrà essere infarcita di colesterolo;
  • Ridurre soprattutto nella fase in cui il muco è fertile o ad albume d’uovo, la quota di alimenti che determinano un maggiore ritenzione idrica *come carboidrati, latticini e anche insaccati* determinata dall’aumento del progesterone che caratterizza la seconda fase del ciclo mestruale.

 

Ogni donna infatti è più facilmente predisposta a subire l’effetto degli ormoni, anche in base alla funzionalità di altri organi, come fegato, reni e tiroide, che inaspriscono, se non facilitati nelle loro azioni, quelli che sono i sintomi classici dell’ovulazione: maggiore ritenzione idrica, gonfiore, aumento di peso, irritabilità e sbalzi d’umore.

 

leggi l’articolo completo 

 

 Dott.ssa Anna Borracino

Laureata in Biologia, con Master in Medicina, Chirurgia e Biologia della Riproduzione 

One Reply to “Nutriamo la fertilità”

  1. hi 🙂 bross 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà mai pubblicato.

You may use these <abbr title="HyperText Markup Language">HTML</abbr> tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*