• Tel: +39 0883 631049

Una vita slow per riscoprire la fertilità

I segreti per riscoprire la vita in modalità slow motion e raggiungere più serenamente la maternità:  i dati reali, i preconcetti convenzionali e alcuni consigli utili per ritornare a sorridere con il cuore.

La Donna contiene in sé molte virtù, per anni è stata subordinata alla figura prioritaria dell’uomo ma è sempre rimasta lì al suo fianco a suggerirgli la vita, ha conquistato la sua posizione sociale con sacrifici, coraggio e la determinazione che la contraddistingue.

È facile associare alla donna la figura della mamma

Gioia, attesa, pazienza, astinenza, travaglio, felicità, amore…tutti i sentimenti che ogni donna vive nei nove mesi di gestazione.

Purtroppo non è sempre facile vivere la gioia della maternità.

La panoramica attuale è sconfortante, l’ISTAT ci illustra una bassa fecondità a livello italiano. Le motivazioni sono varie, contribuisce in maniera sempre più marcata una posticipazione delle scelte riproduttive.

Il Ministero della Salute elenca le più comuni problematiche:

fumo, obesità o eccessiva magrezza, sostanze ambientali come i derivati delle plastiche e degli idrocarburi, la sedentarietà e perfino l’eccessiva attività fisica sono alcuni tra i principali fattori di rischio modificabili, capaci di influenzare la salute sessuale e riproduttiva di un individuo.

Ma molto spesso i ritardi e le difficoltà legati alla ricerca di una gravidanza non sono sempre associati a patologie del sistema riproduttivo femminile ma forse solo ad uno stile di vita o ad una qualità della vita lontano dagli standard richiesti per accogliere una nuova vita.

Vi è mai capitato di sentirvi in perenne ritardo? Di non riuscire a fermarvi perché c’è sempre qualcosa da completare nella vostra check-list giornaliera? Di vivere intere giornate con la sensazione di non avere mai tempo?

Molto spesso ci troviamo a viaggiare ad alte velocità senza avere sempre una direzione. Se dovessimo presentarlo con un disegno penserei a delle foglie trasportate dal vento con l’unico bisogno di continuare a muoversi per non finire a terra…

Se vi ritrovate in questa descrizione  allora anche voi dovete fermarvi,

ma non fermarvi solo fisicamente e lasciare che la mente continui in questo turbinio di pensieri.

Fermarsi significa abbandonarsi ad una vita slow in cui si alternano periodi di attività a periodi di pausa;

in cui ci concentriamo solo su noi stessi, sui nostri pensieri più intimi e sul nostro respiro (respiro diaframmatico), questi momenti di pausa non ci aiuteranno solo a guadagnare tempo durante la giornata ma anche a riscoprire noi stesse.

Anche la femminilità va scoperta ed ascoltata ogni giorno per auspicare alla sua forma più aulica: la maternità.

Il viaggio verso il concepimento deve essere il più piacevole possibile.

Molto spesso i tentativi falliti possono essere causa di stress e tensione ma quasi sempre vengono classificati come disturbi patologici o disfunzioni legate a problematiche di natura fisica.

La medicina tradizionale (medicina allopatica)si basa sulla specializzazione. Ogni medico si specializza sulla cura di determinate patologie, su un organo o parte di esso, questa specializzazione diventa sempre più alta se ci si sposta verso i paesi occidentali che si contrappongono alla medicina asiatica che utilizza un approccio differente. La medicina asiatica o olistica punta a vedere la persona nella sua interezza focalizzando l’attenzione sulle cause della malattia, sulla persona nella sue interezza, sull’equilibrio psico-fisico.

È questo l’approccio che ogni donna deve usare verso se stessa.

La profonda comprensione di ciò che accade realmente all’ interno del  corpo è fondamentale per avere un quadro preciso degli ostacoli che impediscono di concepire, è un presupposto indispensabile per poterli superare in modo efficace.

Anche il tempismo è molto importante. Imparare a riconoscere i segnali dell’ovulazione, tenendo conto di ritmo, frequenza, orari e posizioni.

Il sistema olistico prevede semplici consigli per entrare più facilmente in una vita slow che ci accompagni al raggiungimento di una gravidanza:

 

 

  • Utilizzo di una corretta alimentazione per aumentare il proprio livello di fertilità
  • Le procedure naturali per l’eliminazione delle tossine dall’organismo.
  • Utilizzo di integratori di origine naturale per favorire la fecondazione e il concepimento.
  • Utilizzo dell’agopuntura e/o della digitopressione (massaggi Shiatsu, Bowen e Trigger Points) per aumentare il proprio livello di fertilità.
  • Stretching (semplici esercizi di allungamento muscolare) per dissolvere i blocchi energetici.
  • La preparazione di integratori e tonici naturali con la funzione di depurare reni, milza, fegato e sangue, e di favorire il loro funzionamento ottimale.
  • I preparati erboristici benefici per le tube di Falloppio e per la rigenerazione della parete uterina.
  • E infine ma non per importanza, impara ad amarti ad ogni età e in ogni situazione per esprimere il meglio di te!

 

 

“Tieni sempre presente che la pelle fa le rughe,

i capelli diventano bianchi,

i giorni si trasformano in anni….

Però ciò che è importante non cambia;

la tua forza e la tua convinzione non hanno età.

Il tuo spirito è colla di qualsiasi tela di ragno.

Dietro ogni linea di arrivo c’è una linea di partenza.

Dietro ogni successo c’è un’altra delusione.

Fino a quando sei viva, sentiti viva.

Se ti manca ciò che facevi, torna a farlo.

Non vivere di fotografie ingiallite…..

insisti anche se tutti si aspettano che abbandoni.

Non lasciare che si arrugginisca il ferro che c’è in te.

Fai in modo che invece che compassione, ti portino rispetto.

Quando a causa degli anni non potrai correre, cammina veloce.

Quando non potrai camminare veloce, cammina.

Quando non potrai camminare, usa il bastone.

Però non trattenerti mai!”

 

Madre Teresa di Calcutta

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà mai pubblicato.

You may use these <abbr title="HyperText Markup Language">HTML</abbr> tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*