• Tel: +39 0883 631049

Orange is the happiest color

Oggi raccontiamo la storia del signore degli agrumi: l’Arancio. Tra storia, chimica e proprietà salutistiche.

Citrus Aurantium noto più comunemente come Arancio Amaro è originario dell’India.

Per molto tempo si è pensato che i romani non lo conoscessero fino a quando nel 1951 a Pompei è venuta alla luce la Casa del Frutteto, magnificamente affrescata con piante di Agrumi.

 

Cenni di Archeologia

 

La casa del Frutteto è uno dei più belli esempi di pittura di giardino della città. Raramente si trovano pitture di giardini nelle zone private delle casa, qui troviamo il meraviglioso affresco in due piccoli e raffinati cubicoli, gli spazi utilizzati per il riposo.
Il primo dei due cubicoli presenta un giardino con piante ornamentali e da frutto realizzate con estrema precisione, tanto da rendere possibile il riconoscimento delle specie vegetali, come gli agrumi.
Il secondo cubicolo è caratterizzato da tre alberi di diversa grandezza di cui quello al centro più grande, un fico, è rifugio di un serpente, simbolo di prosperità.
Data di scavo: 1913-1951.

 

 

I primi resoconti degli impieghi risalgono al filosofo e scienziato greco, Teofrasto nel 310 a.C.

Sono stati però gli arabi, eccellenti nelle scienze, a divulgarne in pieno le qualità farmacologiche. Nelle Americhe l’arancio venne importato, insieme agli altri agrumi, da Cristoforo Colombo.

Le zone dove è possibile coltivare l’arancio in maniera naturale sono quelle dal clima caldo e umido. In italia si coltivano principalmente al Sud, in Campania, Calabria e Sicilia.  

Come sempre ci piace spaziare, e soprattutto ci piace andare al di là della storia ed entrare nella chimica.

L’arancio, oltre alle molteplici proprietà salutistiche a noi già note, è naturalmente ricco di Sinefrina, una peculiare molecola chimica,  con una struttura molto simile all’Adrenalina.

Queste proprietà sono da ricondurre alla capacità di queste molecole di interagire con il sistema simpatico, agendo direttamente sui recettori B3 presenti sul tessuto adiposo bruno.

 Tessuto Adiposo Bruno: definito tale per la sua colorazione scura data dall’’elevata presenza di ferro associato ai citocromi presenti nei mitocondri e responsabile della termoregolazione

La sinefrina inducendo la liberazione dell’ adrenalina avvia un effetto termogenico che favorisce:

  • la perdita di peso attraverso il riassorbimento del grasso e l’aumento del dispendio energetico
  • Riduce l’appetito ed eccita il metabolismo basale

Una pianta meravigliosa insomma ci nutre ma allo stesso tempo favorisce la perdita della massa grassa favorendo il nostro benessere psicofisico.

Non tutte le arance sono così speciali perché è necessario un connubio particolare tra cielo e terra affinché sintetizzino tante molecole dalle proprietà straordinarie che agendo in sinergia tra loro conferiscono alla pianta le sue proprietà terapeutiche.

Tra queste anche le Antocianine ci regalano proprietà straordinarie…

ai piedi dell’ETNA dove il cratere rende fertile il suolo, il giorno e la notte riservano forti escursioni termiche e il clima è secco…Gli aranci proprio per difendersi da questo ambiente ostile producono le antocianine e la cosa stupefacente è che questi pigmenti difendano anche noi uomini!

Ecco perché sestre si è battuta per selezionare solo estratti naturali provenienti dalle terre sicule!

BIONAP is a dynamic company which produces standardized botanical extracts obtained from plants and fruits growing in the areas surroundingMt Etna, UNESCO World Heritage. Our mission is to discover innovative active substances with the aim of improving the health and well-being of people world wide.

 

 

 

Segui sempre la tua Natura

#followyournature

 

Sabrina Fiorentino

Farmacista esperta in Nutraceutica

Founder SESTRE

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà mai pubblicato.

You may use these <abbr title="HyperText Markup Language">HTML</abbr> tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*